Valle di Sapa

L’estremità nord-occidentale del Vietnam è montuosa, con profonde vallate che si fanno spazio fra cime alte fin oltre 3.000 metri e che sono collegate fra loro da spettacolari strade di montagna, le quali offrono dei paesaggi mozzafiato, fra risaie, piantagioni di tè e piccoli villaggi rurali; gli abitanti di queste aree remote del Paese appartengono ad alcune minoranze etniche, hmong, dao, tay, giay e xa pho, ognuna con una propria cultura, molto interessante da scoprire e conoscere.

La Valle di Sapa, con l’omonima cittadina che conta 10.000 abitanti circa, è diventata il centro turistico principale dell’area e punto di partenza per trekking nei vicini villaggi etnici e nel Parco Nazionale di Hoang Lien, che comprende anche la cima più alta del Vietnam, il Fan Si Pan (3.143 m).

Il villaggio di Sapa si trova a 1.500 metri d’altezza ed è stato fondato dai francesi alla fine degli anni 1880, come rifugio montano dal caldo delle pianure poste più ad est, dove sorge anche la capitale Hanoi; si possono ancora intravedere delle reminiscenze del periodo coloniale, anche se lo sviluppo turistico ha portato molti nuovi edifici, in particolare hotel ed altre strutture turistiche e ricreative.

Phi Phi Hoang, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

I mercati locali sono un buon posto dove acquistare souvenir ed artigianato delle diverse tribù di montagna, ma lo potete fare anche nei villaggi più piccoli, da raggiungere a piedi con escursioni più o meno lunghe, dove si possono osservare gli abitanti nelle loro attività quotidiane con addosso degli splendidi abiti tradizionali, di colore differente a seconda del gruppo etnico a cui appartengono.

Qui si trovano alcuni dei paesaggi più belli del Vietnam, con risaie terrazzate (il raccolto avviene ad inizio settembre), piantagioni di tè e fiori e piccoli orti, sovrastati da alti picchi montuosi; il panorama è però spesso avvolto nella nebbia poiché l’umidità è sempre elevata.

La cucina risente dell’influenza della vicina Cina, con piatti che talvolta ricordano quelli del grande Paese asiatico, distante una ventina di chilometri da Sapa.

Il clima è influenzato dall’altitudine e dalla posizione geografica di Sapa, nella parte più settentrionale del Vietnam; da metà aprile a metà ottobre si verificano copiose precipitazioni quasi ogni giorno, in quella che è la stagione umida, mentre nel periodo rimanente aumentano le ore di sole, anche se comunque continua a piovere con discreta frequenza (12-15 giorni al mese), ma con minore intensità; in tutto durante l’anno cadono oltre 2.800 millimetri di pioggia.

Le temperature medie estive sono di poco inferiori ai 20° C mentre in inverno si scende di poco sotto i 10° C, con nottate in cui il termometro può andare sotto lo zero, perciò è importante avere con se vestiti più pesanti; sulle montagne più alte può nevicare, evento che molto raramente interessa anche la cittadina di Sapa.

Posizione e come arrivare nella Valle di Sapa da Hanoi

Sapa necessita di un viaggio abbastanza lungo dalla capitale Hanoi, che può essere effettuato totalmente in autobus oppure in combinazione col treno.

Fortunatamente di recente è stata aperta una nuova autostrada fra Hanoi e Lao Cai, città che dista poco più di 30 km da Sapa, che ha consentito di ridurre notevolmente i tempi di percorrenza dei bus, che ora impiegano 5-6 ore per coprire 315 km, al costo di 10-15 Euro.

In alternativa ed a prezzi simili è possibile raggiungere Lao Cai in treno, per poi proseguire in bus fino a Sapa; in questo caso il viaggio durerà però sulle 9 ore in tutto, di cui quasi 8 su rotaia; eventualmente si possono percorrere i 30 km fra Lao Cai e Sapa in taxi, spendendo circa 20 Euro.

Cosa vedere nella Valle di Sapa

Fan Si Pan

Il Fan Si Pan, coi suoi 3.143 metri, è il monte più alto del Vietnam e dista circa 8 km in linea d’aria da Sapa; è incluso nel perimetro del Parco Nazionale di Hoang Lien assieme alle vette limitrofe.

Fino a pochissimo tempo fa era possibile raggiungere la cima di questa montagna solamente con trekking di 2-3 giorni, fra andata e ritorno, con più di 1.000 metri di dislivello; lungo i sentieri sono presenti un paio di bivacchi spartani, ma è preferibile portarsi dietro tenda e sacco a pelo; il percorso non è tecnicamente difficile, ma piuttosto lungo ed accidentato e si consiglia di affidarsi a delle guide del posto, che possono inoltre aiutarvi nel trasporto dell’attrezzatura.

Il Fan Si Pan è diventato alla portata di tutti dal 2016, quando è stata inaugurata una funivia di oltre 6 chilometri che in 20 minuti vi porta a ridosso della cima, con gli ultimi 150 metri di dislivello da fare a piedi, percorrendo una lunga serie di 600 scalini, oppure con una breve funicolare (70.000 dong andata / 80.000 dong ritorno); la stazione a valle è collegata al centro di Sapa da un trenino di montagna (100.000 dong), con partenza nei pressi del BB Hotel Sapa, ma la potete raggiungere anche in taxi o con altro mezzo.

La vetta offre un incredibile panorama, meteo permettendo, ed inoltre sono presenti dei templi, grandi statue, negozi e ristoranti, per offrire un’esperienza più completa; la scalata a piedi ovviamente vi ripagherà in maniera molto più soddisfacente, ma necessita di una permanenza di qualche giorno a Sapa ed una buona forma fisica.

Fansipan

Christophe95, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sito ufficiale 
8:30-16:00
Nessun giorno di chiusura
750.000 dong (adulti)
550.000 dong (bambini fra 1 e 1,40 m di altezza)
Gratis (bambini sotto 1 m di altezza)
Stazione a valle 4 km ad ovest del centro di Sapa

Monte Ham Rong

Se volete compiere un trekking non eccessivamente impegnativo, ma con una bella vista su Sapa e la sua valle, potete salire sul Monte Ham Rong, posto immediatamente a sud della cittadina; il nome significa testa di drago, per via della forma della montagna.

Dalla vetta, posta 300 metri più in alto rispetto a Sapa, si può sovente godere del fenomeno del mare di nebbia, con la cittadina avvolta dalla foschia; è inoltre presente un bel giardino con circa 6.000 orchidee e molti altri fiori, che segue armoniosamente le ondulazioni del terreno.

Hàm rồng - panoramio

ChieuTimViet, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
6:00-18:00
Nessun giorno di chiusura
70.000 dong (adulti)
20.000 dong (bambini)
Il sentiero principale inizia nei pressi della chiesa di Sapa

Villaggio di Cat Cat

Nei dintorni di Sapa si possono visitare alcuni villaggi etnici, nei quali osservare le scene di vita quotidiana della popolazione locale; Cat Cat è il villaggio più famoso, anche grazie alla vicinanza a Sapa, dato che si può raggiungere a piedi o con una breve corsa in taxi.

Il villaggio di Cat Cat è abitato dall’etnia hmong, la più numerosa nella valle di Sapa; ovviamente con lo sviluppo turistico dell’area molte persone si sono dedicate a questo settore, producendo e vendendo souvenir, abiti tradizionali ed altri oggetti oppure affittando delle stanze nelle case tradizionali, ma si può ancora respirare in parte l’atmosfera tipica di questi tranquilli insediamenti rurali, ben integrati con l’ambiente naturale circostante; ai margini del paese troverete anche una bella cascata.

Altri villaggi consigliati, ma più distanti, sono quelli di Ta Phin, Ta Van e Sin Chai, mentre se volete trovare maggiore autenticità potete effettuare un trekking, che in qualche occasione vi porterà nelle stradine di piccoli paesini di montagna, oltre che a costeggiare le tipiche risaie terrazzate oppure delle piantagioni di tè o altre coltivazioni, alternate a tratti di foresta.

Trong bản Cát Cát

Bùi Thụy Đào Nguyên, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
5:30-18:30
Nessun giorno di chiusura
70.000 dong (adulti)
30.000 dong (bambini)
2 km a sud-ovest del centro di Sapa

Valle di Muong Hoa

La valle di Muong Hoa si snoda per circa 20 chilometri in direzione sud-est rispetto a Sapa, fino al villaggio di Ban Ho, che si trova a soli 400 metri d’altitudine; è particolarmente adatta per i trekking e per scattare belle fotografie.

È richiesto un pedaggio per entrare in questa valle costellata di villaggi etnici, risaie e foreste; può essere valutata anche come un’alternativa di alloggio alla più turistica e civilizzata Sapa, alloggiando in piccole abitazioni tradizionali a gestione familiare, per poter così entrare in maggior contatto con le popolazioni locali, scoprendo più in dettaglio i loro affascinanti usi e costumi.

Mường Hoa Valley 05

Christophe95, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Nessun giorno di chiusura
80.000 dong
A sud-est del centro di Sapa, seguendo la strada DT152

Chiesa di Sapa

La piccola chiesa di Sapa è stata eretta dai francesi nel 1895 ed è interamente in pietra; si tratta probabilmente del miglior esempio di architettura coloniale rimasto nella cittadina.

È utilizzata per le normali funzioni religiose locali e di sabato il piazzale antistante ospita talvolta attività culturali o spettacoli artistici.

Sapa Church

Christophe95, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
8:00-18:00
Nessun giorno di chiusura
Gratuito
Di fronte alla piazza principale di Sapa

Passo di O Quy Ho

Il passo di O Quy Ho collega Sapa alla città di Lai Chau, oltre cento chilometri più ad ovest; si inerpica fino a 2.014 metri d’altezza, risultando così il passo più alto di tutto il Vietnam.

Da Sapa è necessaria una mezzoretta per percorrere i 15 chilometri di strada che portano al valico, con splendide viste sulle montagne che lo circondano, mentre la discesa verso la prima cittadina sul versante opposto, Tam Duong, è lunga il doppio.

Sunset on O Quy Ho pass

Dansapa, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sulla strada QL4D, fra le province di Lao Cai e Lai Chau

Cascata d’Argento

Una manciata di chilometri prima del Passo di O Quy Ho si incontra una cascata alta ben 200 metri, che merita una sosta, anche perché una serie di gradini permette di avvicinarsi maggiormente a questo impetuoso salto.

La Cascata d’Argento (Thac Bac) si sviluppa su tre livelli ed offre uno spettacolo notevole, specialmente durante la stagione delle piogge, nella quale risulta più impetuosa; l’entrata è proprio di fianco alla strada, dalla quale si può già osservare la cascata.

Thacbac

pululante, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
20.000 dong
3 km prima del Passo di O Quy Ho

Attività ed escursioni