Come muoversi in Vietnam

In Vietnam le distanze fra le varie località turistiche sono spesso abbastanza alte, basti pensare che le due maggiori città, Hanoi ed Ho Chi Minh, sono distanti fra loro oltre 1.500 km via terra, dato che si trovano nelle due parti opposte del Paese.

In base quindi alla prossima destinazione, al tempo a disposizione ed al nostro budget dovremo scegliere con qualche mezzo spostarci durante il nostro viaggio, a meno di non limitarsi solamente ad una località.

Prima di vedere nel dettaglio i diversi mezzi di trasporto vi segnaliamo due siti dove si possono ricercare tragitti in aereo, treno, bus e traghetto in vari Paesi dell’Asia, fra cui il Vietnam e sui quali è anche possibile acquistare direttamente il ticket pagando con carta di credito; si tratta di https://12go.asia/it/ che ha pure la versione in italiano e di https://www.baolau.com/en/, entrambi molto facili da navigare e che in pochi passaggi vi permettono di concludere la transazione e ricevere nel giro di alcune ore una e-mail con il vostro biglietto elettronico in formato PDF.

Henry Ngo, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons

Voli interni

L’aereo è il mezzo più adatto per gli spostamenti dai 400/500 chilometri in su, visto che i treni sono molto lenti e le strade in genere poco scorrevoli, anche se si stanno facendo grandi sforzi per ampliare notevolmente la rete autostradale.

Tutte le maggiori città hanno un’aeroporto, con voli da Hanoi oppure Ho Chi Minh, che sono inoltre ovviamente collegate fra loro da numerosi voli giornalieri della durata di circa 2 ore, dal costo abbastanza ragionevole, attorno ai 50 € in media.

In Vietnam operano diverse società, a partire dalla Vietnam Airlines, la compagnia aerea di bandiera del Paese, oltre ad alcune compagnie domestiche low cost, tra cui spiccano per numero di aeroporti serviti la Bamboo Airways e la Vietjet Air; per alcune destinazioni potete affidarvi inoltre alla Pacific Airlines o alla Vietravel Airlines, operativa da gennaio del 2021.

Alcune rotte, come la Hanoi-Phu Quoc possono avere prezzi più alti, ma se i biglietti sono prenotati per tempo si riesce a rimanere sotto la soglia dei 100 € (solo volo di andata); ognuna di queste compagnie ha un sito internet anche in inglese, sul quale consultare le rotte e le offerte, oltre alla possibilità di acquistare il biglietto online.

Links alle 5 compagnie:

Vietnam Airlines
Bamboo Airlines
Vietjet Air
Pacific Airlines
Vietravel Airlines

Vietjet A320 at TPE

KCS, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Treno

Il treno è una buona soluzione per distanze più brevi oppure se si vuole risparmiare, magari viaggiando di notte; è un mezzo che permette inoltre di osservare con più calma il paesaggio e lo scorrere della vita quotidiana in Vietnam; il comfort non è paragonabile ai nostri treni veloci, ma è più simile ai regionali ed interregionali italiani, con i convogli di classe più alta e di lunga percorrenza dotati di aria condizionata.

Le rete ferroviaria vietnamita non è molto sviluppata, appena 2650 km in tutto, e consiste principalmente nella linea nord-sud, costruita dai francesi ed inaugurata nel 1936, che collega Hanoi ad Ho Chi Minh, toccando alcune delle altre maggiori città del Paese, come Vinh, Hue, Da Nang e Nha Trang, più una manciata di linee nel nord, che collegano la capitale Hanoi alla Cina ed alle città di Hai Phong ed Ha Long sulla costa.

Il viaggio completo di 1.726 chilometri dura circa 32 ore e costa sui 40-50 €, a seconda del tipo di sistemazione scelta (sedile o cuccetta); un viaggio notturno da Hanoi o da Ho Chi Minh verso il centro del Paese (Hue, Da Nang) potrebbe essere conveniente, poiché vi permette di risparmiare sulla sistemazione ed inoltre, a differenza degli aerei, arriverete direttamente nel centro città, partendo la sera ed arrivando al mattino o al massimo nel primo pomeriggio; i prezzi in questo caso si attestano attorno ai 30 € per una cuccetta.

Più appetibili come tempi sono le tratte Hue-Da Nang oppure Hanoi-Haiphong, entrambe coperte nel tempo di 2 ore e 30 minuti circa, ad un costo di appena 2-3 Euro.

I biglietti possono essere acquistati in stazione, mentre non è possibile farlo online sul sito ufficiale delle Ferrovie del Vietnam, utile però per consultare gli orari.

2013-07-16 North–South Railway (Vietnam) DSCF9779 D11H-353

松岡明芳, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Autobus

Esistono diversi tipi di servizi di bus in Vietnam, offerti da un grandissimo numero di compagnie; si va dai minivan, agli autobus di linea a quelli notturni, con apposite cuccette in cui dormire.

Rispetto ai treni permettono di raggiungere molte più destinazioni, come ad esempio il Delta del Mekong da Ho Chi Minh e generalmente sono anche più economici; i problemi principali possono essere legati al traffico, spesso caotico nelle grandi città, allo stato delle strade, non proprio ottimali, specialmente fuori dalle principali arterie ed al mezzo utilizzato, in certi casi piuttosto vecchio, anche se parecchi bus sono moderni ed offrono ottimo comfort, inclusa l’aria condizionata.

Acquistare i biglietti direttamente online non è sempre possibile, ma conviene chiedere aiuto al proprio hotel oppure recarsi alla biglietteria della stazione di partenza.

Nha Trang bus 06

Ilya Plekhanov, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Taxi

Per muoversi nelle città la soluzione più comoda è il taxi, che non risulta nemmeno troppo costoso (meno di 1 Euro al chilometro), a patto di accertarsi che il tassista attivi il tassametro oppure di concordare il prezzo prima di effettuare la corsa; oltre alle auto sono presenti anche i mototaxi, spesso più economici, in quanto più veloci in caso di traffico congestionato, anche se richiedono un po’ di spirito di avventura, visto lo stile di guida in Vietnam, non proprio tranquillo e sicuro.

Il taxi può essere utilizzato anche per spostamenti extraurbani di breve e media lunghezza, specialmente se più persone si dividono il suo costo; per un tragitto di 100 chilometri vi verrà chiesta una cifra attorno ai 40-50 Euro, molto più alta di bus o treno, ma ancora accettabile, considerando che arriverete nell’esatto punto desiderato, cosa talvolta non possibile con altri mezzi.

Taxi Mai Linh, Nguyễn Trãi, Hà Nội 001

Ilya Plekhanov, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Noleggio auto e moto

In Vietnam da turista non è possibile guidare autonomamente un mezzo motorizzato con la patente internazionale, né tantomeno con quella italiana; solo coloro che hanno un visto di almeno 3 mesi possono richiedere una patente di guida vietnamita.

Questo divieto sulla carta è in vigore anche per quanto riguarda moto e motorini, anche se i noleggiatori non chiedono nessuna patente ed affittano questi mezzi anche ai turisti; ricordatevi però che in caso di incidente o altri problemi non sarete coperti dall’assicurazione e dovrete quindi pagare di tasca vostra!

Esiste un modo legale di noleggiare un auto e cioè inclusiva di conducente locale; ovviamente il costo sarà maggiore, però potrete avere il massimo dell’autonomia riguardo all’itinerario, facendovi portare in luoghi altrimenti difficili o impossibili da raggiungere, in particolare nelle aree rurali o montuose; se siete in 3-4 persone potrebbe essere un’ottima soluzione almeno per una parte del vostro viaggio in Vietnam, senza che dobbiate per forza partecipare ad un tour organizzato, con tutte le limitazioni del caso su orari e percorso.

Lascar Ho Chi Minh City The Capital of Motorbikes (4607948894)

Jorge Láscar from Australia, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

Traghetto

Ad eccezione di Con Dao e Phu Quoc che dispongono di un aeroporto, per raggiungere altre isole oppure attraversare i grandi fiumi, in aree non servite da ponti, dovrete utilizzare un traghetto.

I mezzi sono di varia misura e capacità, ma spesso risultano abbastanza lenti ed obsoleti, a parte lungo le rotte più turistiche, dove operano anche aliscafi ed altre imbarcazioni più moderne e veloci; informatevi prima presso il vostro alloggio o in un’agenzia viaggi su prezzi ed orari, in quanto sono informazioni che non sempre sono consultabili online.

ĐT953, Châu Phong, tx. Tân Châu, An Giang, Vietnam - panoramio

trungydang, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons